La voglia di innovazione dei costruttori di macchine e sistemi di assemblaggio

ruote meccaniche foto grande 640x372Il messaggio che emerge con chiarezza dall’”Analisi dei fabbisogni tecnologici del comparto macchine per assemblaggio. Automazione. Digitale. Fluid Power” realizzata dal professor Giambattista Gruosso del Politecnico di Milano è che I costruttori di macchine e sistemi per l’assemblaggio sono un’eccellenza del “made in Italy” che intende rispondere alle sfide poste dalla crescente personalizzazione di queste soluzioni facendo il “pieno” di innovazione.

L’indagine, basata su un significativo campione di aziende del comparto, si è basata su un’analisi quantitativa sui bilanci e su un questionario qualitativo e quantitativo somministrato a una quarantina di imprese, gran parte delle quali micro o piccole (complessivamente il 70% del campione). L’81% delle aziende intervistate ha dichiarato di avere già un grado di automazione elettrica medio-alto o alto. Le tecnologie più utilizzate sono PLC, sensori, sistemi di visione e robot; anche il livello di automazione pneumatica è medio-alto o alto per il 69% degli intervistati, che utilizza prevalentemente elettrovalvole e cilindri pneumatici.

L’elevato livello di maturità tecnologica è confermato da alcune sorprese: il 65% delle aziende intervistate ha dichiarato di utilizzare tecnologie “big data o analytics”; altrettante dichiarano di utilizzare sistemi di visione, mentre la metà usano software di progettazione e robot, come riportato da innovationpost.it.

Il comparto è consapevole che servirà anche una crescita dimensionale delle imprese e, soprattutto, un percorso formativo per i collaboratori e nonostante l’alto livello tecnologico già raggiunto, , il settore si dimostra comunque assetato di innovazione. Per il prossimo futuro l’interesse – stando a quanto emerge dall’analisi – è catturato in particolar modo dai software basati sull’intelligenza artificiale, dalla sensoristica avanzata, dalla crescente elettrificazione degli attuatori e da soluzioni per la gestione del dato digitale, dall’RFID a IOLink. A cosa serviranno queste tecnologie? Ad accrescere flessibilità e riconfigurabilità delle linee e a ridurre i tempi necessari a gestire i cambi prodotto.

A commentare la presentazione del rapporto sono intervenuti Michele Viscardi, presidente di Aidam, l’Associazione Italiana di Automazione Meccatronica, Marco Vecchio, segretario di ANIE Automazione, e Domenico Di Monte, presidente di Assofluid, l’Associazione Italiana dei Costruttori ed Operatori del Settore Oleoidraulico e Pneumatico, tra i promotori dello studio insieme a SPS Italia, la fiera dell’Automazione e del Digitale (22-24 maggio, Parma), e Assiot, l’Associazione italiana costruttori organi di trasmissione e ingranaggi.

Il ruolo delle associazioni è cambiato. La maggior parte di queste realtà è nata per consentire ad aziende che operano nello stesso comparto di mettere a fattor comune risorse e accedere a servizi altrimenti indisponibili. Oggi invece dobbiamo fare sistema per risolvere i problemi dei clienti, offrendo tecnologie e competenze complementari.

Portare educazione sul territorio, non solo agli operatori ma anche ai manager e agli imprenditori, è ormai diventato di importanza fondamentale: molti infatti ancora non hanno ancora compreso la portata epocale di questo momento di transizione.

grafico La voglia di innovazione dei costruttori di macchine e sistemi di assemblaggio

Fonte: innovationpost.it

Alfredo Santaniello

Alfredo Santaniello

Content Manager at Cogent
Appassionato di nuove tecnologie e sempre attento ai trend dell'industria 4.0, Alfredo si occupa di trovare contenuti che aiutino le imprese italiane ad affrontare le nuove sfide della quarta rivoluzione industriale.
Alfredo Santaniello

Alfredo Santaniello

Appassionato di nuove tecnologie e sempre attento ai trend dell'industria 4.0, Alfredo si occupa di trovare contenuti che aiutino le imprese italiane ad affrontare le nuove sfide della quarta rivoluzione industriale.

alfredo-santaniello has 37 posts and counting.See all posts by alfredo-santaniello