Il progetto di un Competence Center a Torino

il lingottto 640x372Il Centro di Competenza del Piemonte, costituito dal Politecnico di Torino e dall’Università di Torino, per il quale verrà presentata una proposta progettuale per il finanziamento previsto dal Ministero dello Sviluppo Economico per Industria 4.0, è considerato uno dei progetti in “pole position” per vincere il bando.

Sono state 27 le aziende che hanno risposto positivamente all’avviso di evidenza pubblica per la  richiesta di manifestazione di interesse per partecipare al bando insieme alle due università. Realtà industriali di spicco che si sono dichiarate pronte ad affiancare i due atenei in questo percorso di forte innovazione, come riportato da innovationpost.it

L’azione congiunta dei due Atenei torinesi rappresenta certamente il valore aggiunto di questo progetto, che può contare sia sull’eccellenza di docenti e ricercatori coinvolti, che sulla disponibilità di laboratori e attrezzature, già aperti alle aziende grazie al progetto “Open Access Labs” oltre a una capacità di formazione, che parte dai molti corsi di studio legati all’Industria 4.0, fino ai dottorati di ricerca industriali, riconosciuti dal MIUR come innovativi.

Il Centro di Competenza del Piemonte, quindi, punta all’industria del futuro e proprio al settore manifatturiero, mettendo a punto nuove tecnologie, basate soprattutto sulla introduzione capillare del digitale lungo tutta la catena dei processi produttivi, abbinata a nuovi modelli economici, a una nuova organizzazione del lavoro e a nuovi rapporti sociali interni ed esterni alle imprese. Una scelta quasi obbligata in un contesto, come quello piemontese, nel quale la manifattura è una componente forte del tessuto industriale e con la presenza di grandi imprese di livello internazionale a cui sono collegate filiere di piccole medie aziende.

Il Centro di Competenza permetterà di realizzare un ampio programma di attività inerente a processi manifatturieri innovativi, ad esempio Additive Manufacturing, Laserbased Manufacturing, World Class Manufacturing, considerando gli aspetti relativi allo sviluppo di nuove tecnologie come la robotica collaborativa, nuovi materiali, tra cui acciai innovativi, leghe leggere, all’uso di tecnologie ICT come IoT e Big Data, all’efficientamento energetico dei processi e allo sviluppo di nuovi modelli di business.

Punto focale sarà il consolidamento delle partnership fra aziende, università e centri di ricerca di eccellenza presenti in Piemonte, per supportare la competitività delle PMI, che spesso oggi pagano il ritardo nell’uso di nuove tecnologie manifatturiere e di ICT nella produzione, a causa di diversi fattori tipici del sistema produttivo italiano, che vanno dalla bassa capacità di investimenti, ai limiti del trasferimento di conoscenze da università e centri di ricerca, all’assenza di una chiara specializzazione produttiva.

In particolare fornirà servizi di orientamento e di formazione alle imprese e alle PMI, e di attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Obbiettivo primario sono gli ambiti caratteristici di due dei distretti industriali principali del Piemonte, l’automotive e l’aerospazio, senza però escludere altri ambiti manifatturieri quali ad esempio l’industria alimentare.

Per supportare le imprese, soprattutto le PMI del territorio, in questo processo, il Centro di Competenza metterà a disposizione della aziende “linee pilota” innovative per diverse tecnologie manifatturiere e costituirà un punto di riferimento in tutti gli ambiti ad esse collegati come Big Data, Internet of Things, robotica, cybersecurity, inclusa l’organizzazione del lavoro e della produzione.

Una delle novità è legata alla vocazione a svolgere attività di sviluppo distanti dalla ricerca di base e molto vicine alla produzione ed alla certificazione della stessa, con lo scopo di portare lo sviluppo di nuovi prodotti ad un livello di maturazione tecnologica prossimo al mercato, rendendo più rapida per le imprese la transizione verso i nuovi paradigmi produttivi.

Il Centro di Competenza piemontese non sarà solamente una rete virtuale di laboratori o un centro di servizi: sarà prima di tutto un luogo fisico, in cui fare sperimentazione delle nuove tecnologie di manifattura avanzata. Significativamente, il Centro troverà collocazione, in una prima fase, in un edificio simbolo del Piemonte industriale: il Lingotto, un tempo sede di produzione FIAT e simbolo della nascita della grande industria in Italia, oggi riconvertito e restituito alla città, dove potrà nascere l’industria del futuro.

Alfredo Santaniello

Alfredo Santaniello

Content Manager at Cogent
Appassionato di nuove tecnologie e sempre attento ai trend dell'industria 4.0, Alfredo si occupa di trovare contenuti che aiutino le imprese italiane ad affrontare le nuove sfide della quarta rivoluzione industriale.
Alfredo Santaniello

Alfredo Santaniello

Appassionato di nuove tecnologie e sempre attento ai trend dell'industria 4.0, Alfredo si occupa di trovare contenuti che aiutino le imprese italiane ad affrontare le nuove sfide della quarta rivoluzione industriale.

alfredo-santaniello has 37 posts and counting.See all posts by alfredo-santaniello