Strumenti e Sistemi nell’Industria di Processo

E’ giunto alla settima edizione l’appuntamento con l’Osservatorio Cogent sul settore degli strumenti e dei sistemi di automazione e di controllo destinati all’industria di processo.

I segmenti di mercato analizzati in questa sessione sono:

  • Strumentazione industriale di misura (pressioni, temperature, livelli e portate)
  • Analizzatori di gas e analizzatori di liquidi
  • Sistemi di controllo (a base DCS)

L’indagine è stata condotta nel periodo ottobre-novembre e pertanto i dati raccolti nell’anno 2015 possono essere soggetti a qualche variazione. L’indagine, come da tradizione, è stata realizzata attraverso interviste personali ai responsabili di prodotto e/o responsabili vendite delle aziende campione.

La strumentazione

 Il mercato della strumentazione industriale dovrebbe raggiungere nel 2015 i 135-140 Mn., in linea con i valori del 2014. Dopo anni di difficoltà, rallenta il trend negativo legato al mercato domestico, mentre prosegue quello positivo dell’export. All’interno del mercato si rilevano tuttavia andamenti diversi tra i vari segmenti di business. In particolare,  crescono in maniera significativa i magnetici (+6%) e i vortex (+6-7%).  Crescono in misura più contenuta le temperature (+2%), mentre calano i livelli (-2%), le pressioni (-2%) e i massici (-2-3%).

L’oil&gas rimane per la strumentazione industriale il principale mercato di sbocco, seguito dall’industria chimica e petrolchimica. Il food&beverage offre un ampio spazio applicativo alle misure di portata, in particolare i magnetici. Power, water e farmaceutica sono le altre principali industry servite.

A livello di trend si rileva:

  • un leggero aumento dell’oil&gas (legato soprattutto ad una crescita della componente upstream) e del power
  • una sostanziale stabilità di food&beverage e farmaceutica
  • un leggero calo del water e dell’industria chimica e petrolchimica

Per quanto riguarda invece le tipologie di clientela servite, gli OEM si confermano il canale maggiormente utilizzato, in particolare per i misuratori di portata. Il calo delle vendite destinate al mercato interno ha comportato negli ultimi anni una progressiva diminuzione del peso degli end user.

Gli analizzatori

Dopo un tendenziale calo registrato negli ultimi anni, per il 2015 si prevede una crescita sia nel segmento dell’analisi dei gas (+7%), sia nell’ analisi dei liquidi (+4-5%). Il mercato dell’analisi dei gas è stimato attorno ai 60-65 milioni di euro, ripartiti tra analizzatori di gas di processo ed analizzatori di gas di emissione. Mentre per i primi  si registra nel 2015 una crescita significativa, le emissioni risentono della crisi del mercato domestico.

L’oil& gas rappresenta il principale mercato di sbocco nei processi, mentre nelle emissioni è il power che veicola i volumi maggiori. Il mercato dell’analisi dei liquidi è stimato per il 2015 attorno ai 35 milioni di euro. Il principale settore di sbocco rimane il  water, seguito da oil&gas, power e food & beverage. Le EPC si confermano un canale importante nell’analisi dei gas. Per la parte liquidi le principali tipologie di clienti servite sono gli end user e gli OEM.

Sistemi di controllo

Per quanto riguarda i sistemi di controllo (a base DCS) le previsioni per il 2015 sono di una flessione del -2-3% rispetto al 2014. Il mercato dovrebbe pertanto attestarsi nel 2015 attorno ad un valore 165 milioni di euro (esclusa la parte service). Il 60% circa del valore complessivo del mercato è relativo a software, sviluppo e messa in esecuzione, mentre il restante 40% riguarda le parti hardware e le licenze. Il maggiore settore di destinazione rimane il power.

Le altre principali industry servite sono oil&gas, chimico e petrolchimico, pulp&paper e farmaceutica. Dopo anni di tendenziale crescita, per il 2015 si prevede infine una lieve flessione del service (- 0,5%) .

 Dinamiche competitive

La struttura competitiva è abbastanza consolidata in tutti i segmenti analizzati. Il mercato della strumentazione risulta relativamente concentrato, soprattutto nelle misure di portata. La frammentazione è più accentuata nel segmento delle misure di pressione. Nel segmento dei sistemi di controllo il grado di concentrazione è elevato ed è ulteriormente cresciuto con l’acquisizione di Invensys da parte di Schneider Electric.

Negli ultimi anni è cresciuta fortemente la competitività sui prezzi. Un segmento di mercato che nel corso del 2015 ha risentito particolarmente del calo generalizzato dei prezzi è quello dei magnetici. In questi anni è cresciuto il potere contrattuale dei clienti, soprattutto da parte delle EPC (ma anche quello degli OEM e degli end user).

Il forte know how e la presenza storica sul mercato da parte delle aziende leader rende difficile erodere loro quote significative di mercato. Ciononostante, le barriere all’entrata in alcuni segmenti della strumentazione non sono particolarmente elevate e ciò potrebbe favorire l’ ingresso di nuove aziende, magari con prodotti collocati su fasce di prezzo basse. Per i prossimi anni le aziende intervistate prevedono una crescita della domanda contenuta, legata soprattutto ai mercati esteri.

ARTICOLO PUBBLICATO SULLA RIVISTA AUTOMAZIONE E STRUMENTAZIONE NEL MESE DI GENNAIO/FEBBRAIO 2016

Umberto Cè

Umberto Cè

Co-Founder at Cogent
Laureatosi all’Università L. Bocconi di Milano, ha lavorato per numerosi anni presso il Gruppo Cerved, dove ha sviluppato una profonda esperienza nella competitive analysis e nelle ricerche di mercato quali-quantitative.
Ha collaborato con importanti società di consulenza dove ha acquisito e si è confrontato con diverse metodologie di ricerca e di project management.
Nel 2002 ha costituito Cogent e, coerentemente con la realizzazione della mission aziendale, sioccupa di progetti di ricerca e analisi di mercato. I settori di industry all'interno dei quali è più frequentemente coinvolto come client leader sono l'automazione industriale, la meccanica e l'elettromeccanica, il food&beverage, i servizi alle imprese (cleaning professionale, agenzie per il lavoro, ecc.).
E' stato docente in corsi universitari e corsi master post laurea su temi di marketing e strategia di impresa.
Umberto Cè

Umberto Cè

Laureatosi all’Università L. Bocconi di Milano, ha lavorato per numerosi anni presso il Gruppo Cerved, dove ha sviluppato una profonda esperienza nella competitive analysis e nelle ricerche di mercato quali-quantitative.
Ha collaborato con importanti società di consulenza dove ha acquisito e si è confrontato con diverse metodologie di ricerca e di project management.
Nel 2002 ha costituito Cogent e, coerentemente con la realizzazione della mission aziendale, si occupa di progetti di ricerca e analisi di mercato. I settori di industry all’interno dei quali è più frequentemente coinvolto come client leader sono l’automazione industriale, la meccanica e l’elettromeccanica, il food&beverage, i servizi alle imprese (cleaning professionale, agenzie per il lavoro, ecc.).
E’ stato docente in corsi universitari e corsi master post laurea su temi di marketing e strategia di impresa.

umbertoce has 2 posts and counting.See all posts by umbertoce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *